Viaggio a Reykjavik, la capitale dell’Islanda

pubblicato in: ISLANDA, VIAGGI | 0

Reykjavik_IslandaAffacciata sulle acque dell’Oceano Atlantico, Reykjavik, la capitale dell’Islanda, offre paesaggi da cartolina fatti di vulcani, geyser, cascate e sorgenti di acqua calda.

Reykjavik significa “baia fumosa”, data la presenza di sorgenti bollenti nelle vicinanze. È la capitale più settentrionale del mondo e accoglie più del 50 per cento della popolazione dell’Islanda.

COSA VEDERE A REYKJAVIK E DINTORNI

Il centro di Reykjavik è un susseguirsi di edifici storici variopinti, chiese dall’architettura originale, musei avveniristici, moderni alberghi e semplici guesthouse.

Reykjavik, come il resto del Paese, è caratterizzata dalla quasi totale assenza di alberi, mancanza colmata da un paesaggio straordinario e variegato. Qui dominano vulcani, sorgenti di acqua calda, geyser, formazioni rocciose dalle forme particolari, cascate, fiordi, distese di muschio e laghi. Sono i paesaggi tipici di una terra in cui la natura la fa da padrona e i capricci del tempo regalano scorci unici e affascinanti.

Blue Lagoon Islanda

Blue_lagoon_IslandaCome quelli delle Blue Lagoon, un lago geotermale formato da acqua con temperatura variabile dai 37 ai 39 °C, caratterizzato da una colorazione azzurra e lattiginosa dovuta dalla presenza della Cyanobacteria, un’alga dalle elevate proprietà cosmetiche e curative.

La Blue Lagoon si trova a Grindavík, a 40 minuti da Reykjavik e a 20 minuti dall’aeroporto di Keflavík. Il paesaggio in cui si inserisce il lago è a dir poco spettacolare: una distesa di lava nera in cui si trovano una cascata, tre diversi tipi di sauna e il prezioso fango con cui ricoprirsi il corpo. Immergersi nelle sue acque, è un’esperienza unica e indimenticabile.

Altra meta imperdibile a poca distanza da Reykjavik, è il Parco Nazionale Thingvellir, a 45 chilometri a nord-est della città. È formato da un campo di lava incastonato tre due falesie parallele: la grande spaccatura tettonica che segna la separazione e la deriva delle placche continentali dell’Eurasia e del continente americano. Data la sua importanza, il Parco Nazionale Thingvellir è stato inserito dall’Unesco nel Patrimonio dell’Umanità come paesaggio antropizzato.

Geysir_IslandaAltra tappa obbligata in un viaggio in Islanda, è Geysir, un luogo selvaggio e incontaminato in cui si ammira tutta la forza della natura.

È una zona geotermica ricca di sorgenti calde, pozze d’acqua e imponenti geyser. Come il Gran Geyser, che ha universalmente dato il nome al fenomeno, con getti alti da 30 a 40 metri, e il Litli Geysir, così chiamato perché minuscolo. La zona è attiva da migliaia di anni, anche se la posizione delle sorgenti è cambiata a causa dei terremoti.

Qui, la temperatura dell’acqua di geyser e sorgenti può raggiungere i 125 °C, ed è quindi vietato spingersi all’interno delle zone recintate.

Acqua, spazi infiniti e natura incontaminata, fanno di questo luogo e di tutta l’Islanda, una meta imperdibile, che merita di essere vista almeno una volta nella vita. 

Info utili per un viaggio a Reykjavik Islanda

Grazie alla Corrente del Golfo, l’Islanda gode di un clima fresco in estate e mite in inverno, nonostante le sue penisole settentrionali tocchino quasi il Circolo Polare Artico.

In Islanda non è mai particolarmente freddo, ma la caratteristica principale del clima è la sua continua variabilità: anche in piena estate, nell’arco di una sola ora, il tempo può mutare più volte, passando dal sole alla nebbia, alla pioggia, al vento gelido.

Le estati dell’Islanda sono brevi e difficilmente il sole tramonta del tutto. In inverno invece, le giornate offrono poche ore di luce e le medie diurne si aggirano attorno ai -2/3 °C.

Valuta: Corona Islandese.    

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!
Facebook Twitter Email Pinterest Plusone Linkedin Digg Delicious Reddit Stumbleupon Tumblr Posterous

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.