Raggiungere la Sicilia in auto: con i traghetti, vacanza on the road

0
11
views
OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Raggiungere la Sicilia in auto con i traghetti è l’esperienza perfetta che molti italiani hanno già provato. Ma chi vive in Sardegna o nelle regioni del centro nord come fa? Deve per forza arrivare sull’isola in aereo e poi noleggiare un’auto? In realtà no, si possono contenere i costi approfittando delle linee di traghetti, che partono da altre regioni italiane e consentono di arrivare in Sicilia freschi e riposati, pronti per godersi il soggiorno.

Da dove salpare per raggiungere la Sicilia in auto

Sono numerosi i porti italiani da cui partono i traghetti che consentono di attraccare a Palermo, Trapani, Catania e Messina; evitiamo di citare Villa San Giovanni, visto che i traghetti che salpano da questo porto sono quelli che offrono le tratte più brevi e collegano l’isola alla penisola italiana.
Si possono trovare traghetti per la Sicilia che partono da Genova, consentendo anche a chi vive nelle regioni del nord di raggiungere l’isola con la propria autovettura senza dover guidare per un’intera giornata.
Si salpa poi anche da Civitavecchia e da Napoli, una scelta che comunque accorcia di molto il viaggio. Se sei sardo o in vacanza in Sardegna, puoi raggiungere in nave la Sicilia dal porto di Cagliari. I traghetti approdano a Trapani e a Palermo.

I vantaggi del traghetto

Il principale vantaggio dell’arrivare in traghetto in Sicilia sta nel ridurre notevolmente il numero di ore per le quali è necessario guidare. Chi vive in alcune regioni si trova a dover percorrere anche più di 1.000 km, un viaggio estenuante che spesso si preferisce scindere in più tappe, fermandosi a dormire in una città lungo il tragitto.
Certo, anche viaggiando in aereo si possono risparmiare i chilometri in auto, ma i costi salgono in modo vertiginoso. I traghetti offrono il vantaggio di un costo contenuto, con anche interessanti offerte per chi viaggia con la famiglia e auto al seguito.
Una viaggio in traghetto per la Sicilia dura varie ore, ma si deve tener conto del fatto che i traghetti per la Sicilia salpano nelle ore serali ed effettuano la traversata durante la notte, consentendo di arrivare sull’isola il giorno successivo, al mattino presto.

Perché raggiungere la Sicilia in auto con il traghetto 

La Sicilia è una grande isola, che offre al turista innumerevoli attrazioni. La natura è splendida, con spiagge e località che tutto il mondo ci invidia. Numerose sono poi le città che meritano una visita, così come i piccoli paesi e i siti storici.
In Sicilia c’è una delle zone archeologiche di epoca greca più belle al mondo, nei pressi di Agrigento. Sull’isola c’è un vulcano attivo, che nei mesi invernali si ammanta di neve, permettendo addirittura di attivare degli impianti sciistici.
Per non parlare poi della gastronomia, dell’arte, dei mercatini o delle escursioni all’aria aperta. In sostanza stiamo parlando di una regione che ha molteplici attrazioni da offrire al turista.
Durante una singola vacanza difficilmente si decide di visitare l’intera isola, ma anche restringendo il viaggio a una sola zona della Sicilia, avere a disposizione un’auto è il modo migliore per esplorarla e muoversi in autonomia.
Perché i mezzi pubblici non sono sempre affidabili, ma anche perché alcune località sono molto distanti tra di loro. Arrivare in traghetto consente di muoversi come meglio si crede, utilizzando la propria automobile, o anche il camper per scoprire questa splendida isola e godersi il soggiorno.
Leggi anche
Immersioni in Sicilia: i punti migliori
Piazza Armerina e dintorni, tesori del passato nel cuore della Sicilia


Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.traveldreams.it/home/wp-content/themes/IonMag/includes/wp_booster/td_block.php on line 353

LEAVE A REPLY

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.