Torre Eiffel Parigi di notte

Vacanze invernali: il romanticismo di Parigi o il mare di Cuba?

pubblicato in: FRANCIA, VIAGGI | 0

Tour_Eiffel_ParigiState pensando a dove trascorrere le vostre vacanze di Natale o a quale sia la località giusta per brindare al nuovo anno? Ebbene vogliamo darvi un paio di suggerimenti e proporvi due località completamente diverse tra loro che renderanno unica la vostra vacanza invernale. Una è la splendida Parigi, la città più romantica del mondo, che nel periodo di Natale e Capodanno è un vero sogno ad occhi aperti. L’altra è la coloratissima Cuba, che grazie al clima caldo tutto l’anno e al mare pulito, è una delle mete balneari più richieste dai turisti europei in fuga dai rigori dell’inverno.

Vacanze invernali Parigi, la città più romantica del mondo

È bella in ogni stagione, ma durante le festività natalizie la Ville Lumière è un trionfo di luci e colori che illuminano i monumenti e le location più famose della città.

Strabiliante la visione della Tour Eiffel, simbolo di Parigi nel mondo. All’ultimo piano si trova la terrazza panoramica, dalla quale si gode di una vista spettacolare sulla città. Per una serata romantica ci si può fermare al primo livello dove si trova il ristorante 58 Tour Eiffel per vivere l’indimenticabile esperienza di cenare nel monumento più famoso di Parigi.

Arc_de_Triomphe_Natale_ParigiLa Torre Eiffel è anche il punto di partenza per visitare i luoghi più famosi di Parigi. Imboccando a nord il Pont d’Iéna si raggiungono Avenue des Etats Unies e i Giardini del Trocadéro, un’oasi verde di circa 10mila metri quadrati che si estende dal Palais de Chaillot alla Senna.

Questo immenso parco è famoso per la meravigliosa Fontana di Varsavia, una vasca monumentale collegata a piccole vasche a cascata che creano spettacolari giochi d’acqua con getti che arrivano a 12 metri di altezza.

Dai Giardini, si raggiunge il monumentale Arc de Triomphe, un arco di marmo alto 50 metri che troneggia al centro di quella che un tempo era la rotonda più ampia del mondo da cui partono ben 12 viali. Una scala di 284 scalini conduce alla terrazza dell’Arco di Trionfo, con vista mozzafiato sui famosi Champs Elysées, che nel periodo natalizio sono uno spettacolo di luci e mercatini, e la notte di Capodanno diventano il luogo di incontro per turisti e parigini che brindano all’arrivo del nuovo anno.

Dagli Champs Elysées, proseguendo verso sud, si arriva alla raffinata Place de la Concorde, dominata dall’obelisco egizio di Luxor del XIII secolo a.C. Ai lati della piazza troneggiano otto statue che raffigurano le più importanti città francesi.

Soste da non perdere

Museo_Louvre_ParigiDa Place de la Concorde, si raggiungono gli spettacolari Jardins des Tuileries, estesi su 28 ettari e attraversati dall’axe historique e punteggiati di laghetti, sentieri e angoli romantici, che nel XVII secolo erano meta delle passeggiate domenicali dei ricchi parigini.

All’estremità orientale dei giardini, in Place du Carrousel, svetta l’Arc de Triomphe du Carrousel. Eretto nel 1807 e più piccolo dell’Arc de Triomphe e presenta moltissime decorazioni, tra cui otto colonne in marmo rosa, ciascuna sormontata dalla statua di un soldato della Grande Armata Napoleonica.

Place du Carrousel conduce a Cour Napolèon, il cortile che porta alla grande piramide di vetro progettata nel 1989 da I.M. Pei, alta 20,6 metri con una base di 35 metri per lato e affiancata a tre piramidi minori. La struttura annuncia uno dei musei più grandi e ricchi del mondo: il Louvre, uno scrigno di tesori che custodisce capolavori inestimabili. Per visitarlo tutto ci vorrebbero mesi, ma in un pomeriggio si possono ammirare le sue opere più importanti.

Vanno dall’antichità al XIX secolo e sono suddivise in otto sezioni tematiche: antichità del Medio Oriente, antichità egizie, greche, etrusche e romane, arte islamica, scultura, arti decorative e pittura, a sua volta divisa in scuola francese, italiana e spagnola; scuole del nord, Germania, Fiandre e Olanda, e Arti Grafiche. Conviene dedicarsi alle opere più importanti di ogni sezione, anche per non perdere l’attrazione principale del Louvre, la famosa Gioconda di Leonardo da Vinci, dipinta nei primi anni del XVI secolo.

È esposta nella Salle des Etats, dal grande soffitto di vetro, e protetta da una teca in vetro climatico antiproiettile e da una transenna. Non potrete avvicinarvi troppo, ma c’è spazio per immortalare la “donna più famosa” del Louvre in una preziosa foto ricordo. Approfittate delle offerte voli bologna parigi per scoprire le bellezze di questa città e vivere una vacanza magica.

Vacanze invernali al mare: il mare di Cuba

havana-CubaPiù di 300 spiagge di sabbia soffice come talco, barriere coralline piene di vita, isolotti incontaminati e magnifiche città coloniali fanno di Cuba una delle mete preferite da chi cerca sole e relax anche nei mesi invernali. L’estate sembra essere passata da poco e con i primi freddi è normale voler raggiungere posti caldi. E allora andiamo a scoprire le spiagge più belle di Cuba e il mare cristallino che le bagna.

Le spiagge più belle di Cuba

Una delle spiagge più famose di Cuba è Playa del Este, ad appena 2 km da l’Havana. Nella penisola di Hicacos si trova, invece, la splendida spiaggia di Varadero, una striscia di terra di 19 km su cui si alternano romantiche calette e spiagge color salmone. Sempre nella parte nord orientale dell’isola si trova Cayo Guillermo, un isolotto di appena 13 km² con spiagge di rara bellezza, come Playa Pilar, che prende il nome dalla barca di Ernest Hemingway che amava pescare lungo le sue coste. Cayo Guillermo è collegata alla vicina Cayo Coco da una strada sopraelevata di 15 km.

Proseguendo in direzione oraria lungo la costa si incontra Guardalavaca. La spiaggia si allunga per 4 km ed è incorniciata da una rigogliosa vegetazione e lambita da acque smeraldine che custodiscono una ricca barriera corallina.

Playa_del_Este-Cuba

Altre spiagge imperdibili si trovano nella selvaggia e pittoresca Baracoa, la città più orientale e antica di Cuba. Il primo insediamento, infatti, risale al 1511. Spettacolari le sabbie nere di Playa Duaba e quelle dorate di Playa Maguana e Playa Nibujón, a nord ovest.

Risalendo lungo la costa ovest, si incontra l’isola che Cristoforo Colombo battezzò Jardines de la Reina, in onore di Isabella di Spagna. Il suo straordinario ecosistema è noto come le Galapagos dei Caraibi ed è formato da fitte foreste di mangrovie, coloratissime barriere coralline e isolotti di corallo, protetti dallo stato di Parco Naturale Marino. Qui è normale incontrare squali, tartarughe, cetacei e cernie giganti, ma anche qualche relitto spagnolo del XVII secolo.

Un’altra splendida isola cubana, famosa per le bianchissime spiagge, è Cayo Largo, dove Colombo approdò nel 1494. Tra le baie più belle vi sono Playa Paraiso, con sabbia fine come talco, e Playa Sirena, dalla rigogliosa vegetazione.

spiagge_Cuba

Spettacolari anche le acque che circondano l’Isla de la Juventud, che si allunga tra le coste cubane e il Messico, dove Robert Louis Stevenson scrisse il suo romanzo più famoso, L’isola del Tesoro, ispirandosi ai suoi paesaggi.

Nella zona nord ovest di Cuba si trova, invece, la bellissima spiaggia di Maria la Gorda, che deve il nome ad una bella venezuelana abbandonata dagli spagnoli, che per sopravvivere aprì una locanda dove cucinava per pirati e filibustieri. I suoi fondali sono un vero paradiso per gli amanti delle immersioni e dello snorkeling.

Infine, ritornando verso l’Havana, si incontra la bella isoletta di Cayo Levisa, quasi disabitata, con 4 km di sabbia fine, ombreggiata da palme e con una vivace barriera corallina. Con le offerte voli milano l’avana si va alla scoperta di questa oasi di pace nel mare dei Caraibi e anche in inverno si fa una vacanza all’insegna del sole e del relax.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!
Facebook Twitter Email Pinterest Plusone Linkedin Digg Delicious Reddit Stumbleupon Tumblr Posterous

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *